AARCH-MI

Nuova moschea per Preston | new mosque for Preston

Team | Giuseppe Mazzeo (chief architect), Ilke Cetin (team manager), Alexander Shmukler, Angelica Venzor, Giancarlo Argenzio, Jose Sibi, Monika Karłowicz, Serra Gokkaya, Ylber Kahuqi


La proposta della nuova moschea di Preston situata su una collina all’interno della periferia urbana è il risultato di studi e analisi della tradizione, della cultura, degli aspetti sociali e della situazione ambientale. Il sito del progetto ha svolto un ruolo importante nel modellare il corpo dell’edificio. L’intenzione era quella di creare un rapporto forte e chiaro con la natura circostante, rimanendo allo stesso tempo in contraddizione con il traffico sempre presente, fornendo quindi un ambiente tranquillo e intimo per il culto e la contemplazione.

The proposal of the new Preston mosque located on a gentle hill within the urban suburbs is an outcome of studies and analysis of traditon, culture, social aspects and environmental situation. The site of the project played an important role in shaping the body of the building. The intention was to create a strong and clear relatonship with the surrounding nature at the same time staying in a contradicton to the always present trafic therefore, providing a peaceful and intimate environment for worship and contemplation.

Ispirandosi alla semplicità ma allo stesso tempo alla ricchezza della tradizionale architettura islamica nella nuova moschea Preston è stata applicata la sequenza di spazi richiesta. La netta divisione verticale e orizzontale dell’edificio tra due generi può essere vista a prima vista creando spazi di uguale qualità per entrambi gli utenti. Nella fase progettuale è stata data maggiore importanza alla parte centrale dell’edificio che contiene la sala di preghiera.

Being inspired by a simplicity but at the same time by a richness of the traditonal Islamic architecture in the new Preston mosque the required sequence of spaces has been applied. The clear vertical and horizontal division of the building between two genders can be seen in the first sight creating equal quality space for both users. In the design stagen greater importance was given to the central part of the building which contains the praying hall.

L’importanza principale è data alla sala di preghiera a forma circolare coronata dalla copertura a cupola. Questa parte principale dell’edificio è stata costruita dai vari anelli che si sovrappongono e creano vuoti negli spazi tra loro. Tale trattamento dello spazio è stato applicato per ottenere il gioco unico di luci e ombre nell’interno sacro della sala di preghiera. Rispetto alla tradizione dei rituali, la geometria del principale spazio di culto è stata ruotata e orientata verso la Mecca.

The main importance is given to the circular-shaped praying hall crowned with the domed roofing. This main part of the building has been constructed from the several rings that overlap one another and create voids in the spaces between themn Such a treatment of space was applied to achieve the unique light and shadow play in the sacred interior of the praying hall. In respect to the traditon of rituals, the geometry of the main worship space has been rotated and directed towards the Mecca.

La composizione progettuale è partita dall’area verde nella parte nord del lotto che mira a mitigare l’inquinamento da traffico. Il corpo inclinato dell’edificio sembra racchiudere i verdi in un abbraccio generando la zona di protezione per il punto centrale dell’edificio. Dai lati opposti dei bracci ad angolo, si trovano due aperture che forniscono gli ingressi per entrambi i sessi. Ogni zona di ingresso è evidenziata dalla presenza di due piazze separate dedicate rispettivamente a uomini e donne che garantiscono libertà e facilità di movimento ad entrambi gli utenti. Questa area aperta genera la scena per la raccolta o semplicemente per riposare.

The design compositon has started from the green area on the northern part of the plot that aims to mitigate the trafic pollution. The angled body of the building seems to hold the greens in an embrace generating the protection zone for the central point of the building. From the opposite sides of the angled arms, two openings are located providing the entrances for both genders. Each entrance area is highlighted by the presence of two separated squares dedicated respectively to men and women that ensures freedom and ease of movement for both users. This open area generates the scene for gathering or simply to rest.

Tutta questa composizione che si erge sulla collina è coronata dall’unico minareto che mira a elevarsi oltre la prospettiva e creare un punto focale e un punto di riferimento all’interno del quartiere circostante. La combinazione di cemento bianco per il corpo dell’edificio e lamiere dorate come copertura della cupola richiama l’attenzione e genera il contrasto con le strade e il verde circostanti.

This whole compositon that mounts over the hill is crowned by the single-standing minaretn It aims to rise over the perspective and create a focal point and a landmark within the surrounding neighborhood. The combinaton of white concrete for the body of the building and golden colored metal sheets as the dome covering calls the attention and generates the contrast with the surrounding roads and greenery.

Next Post

Previous Post

© 2022 AARCH-MI

Theme by Anders Norén